TARI: Dichiarazioni/Cessazioni/Modifiche/Variazioni

  • Servizio attivo

La tassa sui rifiuti è il tributo destinato a finanziare i costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. E’ dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre i rifiuti medesimi.


A chi è rivolto

La TARI è dovuta da chiunque possegga, detenga, occupi, conduca, a qualsiasi titolo e anche di fatto, locali o aree scoperte operative, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati gli urbani con vincolo di solidarietà (art. 1292 codice civile) tra i componenti la famiglia anagrafica o tra coloro che adoperano in comune le superfici imponibili.
Il tributo da corrispondere è commisurato ai giorni nel quali sussiste l’occupazione o la detenzione dei locali e delle aree, fermo restando che ad ogni anno solare corrispondono obbligazioni tributarie autonome attinenti la tassa rifiuti.
Se i locali da tassare sono occupati per meno di sei mesi nel corso dell’anno solare, la TARI è dovuta dal possessore dei locali (proprietario, titolare del diritto di usufrutto, uso, abitazione, superficie).

Descrizione

A partire dal 1° gennaio 2014 è divenuto operativo il nuovo tributo comunale sui rifiuti (TARI), previsto dall’art. 1 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che sostituisce a tutti gli effetti la TARES. La TARI è una tassa finalizzata a garantire il necessario flusso di entrate per l’Amministrazione comunale, al fine di consentire la realizzazione di indispensabili servizi alla collettività (raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani ed assimilati, spazzamento delle strade, pulizia dei parchi, ecc.).
TARIFFA E CRITERI PER IL CALCOLO DELLA TASSA- Le tariffe sono deliberate annualmente dal Consiglio Comunale. Per le utenze domestiche il calcolo avviene moltiplicando la tariffa unitaria (composta da una parte fissa ed una variabile) per la superficie calpestabile detenuta espressa in metri quadrati, tenendo conto anche del numero dei componenti il nucleo familiare. Per le utenze non domestiche il calcolo avviene moltiplicando la tariffa unitaria (composta da una parte fissa ed una variabile) per la superficie calpestabile detenuta espressa in metri quadrati, sia che si tratti di locali sia di aree scoperte operative. Alla tassa si aggiunge il 5% a titolo di Tributo provinciale per l’Esercizio delle Funzioni Ambientali (TEFA), che viene riversato alla Provincia. Per consentire una corretta emissione degli inviti al pagamento i contribuenti presentano entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data in cui accade, le istanze di:

  • Inizio del possesso o detenzione di locali e/o aree assoggettabili al tributo
  • Variazione qualora si verifichino condizioni che determinino un diverso ammontare del tributo (es. variazione superficie, cambio destinazione d’uso, il verificarsi o il venir meno delle condizioni che danno luogo a esenzioni, riduzioni o agevolazioni previste dal regolamento, modifica del numeri dei componenti il nucleo famigliare ecc.);
  • Cessazione del possesso o detenzione di locali e/o aree assoggettati al tributo.

Copertura geografica

Senago (Milano)

Come fare

I contribuenti, entro il 30 giugno dell'anno successivo alla data in cui accade, devono presentare le istanze di:

Inizio del possesso o detenzione di locali e/o aree assoggettabili al tributo
Variazione qualora si verifichino condizioni che determinino un diverso ammontare del tributo (es. variazione superficie, cambio destinazione d’uso, il verificarsi o il venir meno delle condizioni che danno luogo a esenzioni, riduzioni o agevolazioni previste dal regolamento, modifica del numeri dei componenti il nucleo famigliare ecc.);
Cessazione del possesso o detenzione di locali e/o aree assoggettati al tributo.
Tutte le modifiche rispetto a quanto precedentemente dichiarato

Cosa serve

La Tari non si applica automaticamente sulla base delle pratiche anagrafiche svolte o in base alla SCIA presentata per inizio dell’attività, ma è necessario che il contribuente presenti l’apposita dichiarazione utilizzando i moduli predisposti dall'ufficio tributi del comune.
Nel caso in cui non si provveda alla presentazione della dichiarazione di inizio possesso o detenzione o quella di variazione che comporta un aumento della superficie da tassare entro i termini indicati, o comunque ogni variazione rispetto a quanto dichiarato, l’ufficio tributi emette un avviso d'accertamento esecutivo per omessa o infedele dichiarazione. Questo significa che oltre all’importo della tassa dovranno essere pagate le sanzioni previste dal Regolamento delle entrate comunali e riscossione e gli interessi di legge. Gli atti di accertamento esecutivi divenuti definitivi valgono come dichiarazione per le annualità successive a partire dall’annualità in cui il Comune ha notificato l'atto.

Cosa si ottiene

  • Ricevere tutte le informazioni sull'applicazione del tributo;
  • Ritirare, compilare e presentare i moduli per effettuare nuove denunce, variazioni, cessazioni, domande di riduzione e di rimborso.
  • Ricevere spiegazioni in caso di difformità tra quanto riportato sull’avviso di pagamento e la situazione reale.

Tempi e scadenze

Il versamento della TARI deve essere effettuato dai soggetti passivi di imposta secondo le seguenti modalità:
ACCONTO, per un ammontare pari al 66 % del tributo dovuto, pagabile in:

  • un’unica rata, avente scadenza 16 giugno
  • due rate, con scadenza 16 maggio e 16 luglio

SALDO, pari all’importo residuale del tributo dovuto in un’unica rata, avente scadenza 16 dicembre

SCADENZA PAGAMENTO ACCONTO

ACCONTO, per un ammontare pari al 66 % del tributo dovuto, pagabile in: un’unica rata, avente scadenza 16 giugno due rate, con scadenza 16 maggio e 16 luglio

SCADENZA PAGAMENTO SALDO

SALDO, pari all’importo residuale del tributo dovuto in un’unica rata, avente scadenza 16 dicembre

Procedure collegate

INVIO AVVISO DI PAGAMENTO TARI
L'avviso TARI ed i relativi modelli F24 da utilizzare per il pagamento, saranno inviati tramite posta ordinaria.
Per chi fosse interessato al servizio di invio dell’avviso di pagamento TARI via mail può fare espressa richiesta compilando il modulo dedicato ed inviarlo a tributi@comune.senago.mi.it
L’invio della TARI con posta elettronica è un servizio rapido (elimina i tempi di spedizione: l'utente riceverà la bolletta direttamente via e-mail e potrà consultarla immediatamente), gratuito, economico (non serve la stampa se si usa, ad esempio, l'home banking), sicuro (evita il rischio che la bolletta venga persa durante la spedizione).
Gli altri contribuenti continueranno invece a ricevere l' avviso di pagamento TARI su supporto cartaceo.

Vincoli

  • La dichiarazione sia originaria che di variazione sottoscritta dal dichiarante, deve essere presentata entro il 30 Giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo, utilizzando gli appositi moduli predisposti dal Comune.
  • La dichiarazione può essere consegnata direttamente agli uffici comunali, inviata a mezzo posta tramite raccomandata allegando la fotocopia del documento d’identità, inviata in via telematica con posta elettronica.
  • La Dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi qualora non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo. In caso contrario la dichiarazione di variazione o cessazione va presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo.
  • La dichiarazione di cessata occupazione/detenzione o possesso dei locali o delle aree, deve essere presentata dal dichiarante originario o dai soggetti conviventi entro il 30 Giugno dell’anno successivo alla data di cessazione dell’utenza, con l’indicazione di tutti gli elementi atti a comprovare la stessa. In tale ipotesi il contribuente ha diritto all’abbuono o al rimborso del tributo relativo alla restante parte dell’anno, dal giorno successivo a quello in cui si è verificata la cessazione.
  • In caso di mancata presentazione entro il termine indicato nel precedente punto , il tributo non è dovuto dal giorno successivo a quello in cui si è verificata la cessazione, se il tributo è stato assolto dal soggetto subentrante, a seguito di dichiarazione o in sede di recupero d’ufficio; diversamente, il tributo non è dovuto a partire dal 1° Gennaio dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la cessazione, se il contribuente dimostra di non aver continuato l’occupazione, la detenzione o il possesso dei locali e delle aree.
  • Nel caso di decesso del contribuente, i famigliari conviventi o gli eredi dello stesso dovranno provvedere alla presentazione della dichiarazione di cessazione, entro la fine dell’anno in cui si è verificato il decesso o entro il termine di cui al precedente

Accedi al servizio

 

Orario apertura al pubblico
- lunedì- mercoledì-giovedì-venerdì : dalle ore 8.30 alle ore 12.00
- martedì e giovedi : dalle ore 16.00 alle ore 18.00
- CHIUSO il martedì mattina
L'ufficio riceve senza appuntamento

Documenti

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Unità Organizzativa responsabile
Argomenti:

Ultimo aggiornamento: 14/02/2024, 15:37

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Rating:

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Icona