Imprese e Commercio

  • Servizio attivo

L'attività di acconciatore comprende tutti i trattamenti per modificare, migliorare, mantenere e proteggere la bellezza dei capelli.


A chi è rivolto

Operatori commerciali

Descrizione

L’attività di acconciatore comprende tutti i trattamenti per modificare, migliorare, mantenere e proteggere la bellezza dei capelli. Sono compresi: i trattamenti tricologici che non richiedono interventi medici o sanitari, il taglio e la cura della barba, la manicure e la pedicure, l’applicazione di parrucche e posticci ed ogni altro servizio inerente o complementare.

Come fare

Chi vuole avviare o trasferire l'attività deve presentare segnalazione certificata di inizio attività come previsto dalla Legge 17/08/2005, n. 174, art. 2 e dal Decreto legislativo 25/11/2016, n. 222.

Cosa serve

  • Segnalazione certificata di inizio attività per l'esercizio dell'attività di acconciatore o estetista
  • Dichiarazione di accettazione del responsabile tecnico
  • Allegato A - Dichiarazione sul possesso dei requisiti da parte degli altri soci
  • Planimetria dei locali destinati ad attività produttive
  • Relazione descrittiva delle caratteristiche dei locali
  • Allegato C - Dichiarazione del responsabile tecnico sul possesso dei requisiti

Cosa si ottiene

Titolo abilitativo per l’esercizio dell’attività di acconciatore

Tempi e scadenze

60 GG.

60 giorni

Quanto costa

Diritti sanitari ATS Città MetropolitanaMilano 1 secondo il tariffario approvato allegato

Accedi al servizio

Ulteriori informazioni

Per svolgere l’attività è necessario:
possedere i requisiti previsti dalla normativa antimafia e i requisiti morali e professionali previsti dal Regolamento regionale 28/11/2011, n. 6 e dalla Legge 17/08/2005, n. 174.

• designare almeno un responsabile tecnico, in possesso dei requisiti professionali, per ogni sede dell'impresa dove viene esercitata l'attività di acconciatura (Legge 17/08/2005, n. 174, art. 3). Il ruolo di responsabile può essere svolto da: il titolare, un socio partecipante al lavoro, un familiare aiutante o un dipendente dell'impresa.
Per le imprese artigiane che svolgono l’attività in una sola sede, il responsabile tecnico deve essere il titolare per le imprese individuali, uno o più soci partecipanti al lavoro per le società.
Il responsabile tecnico deve essere sempre presente durante lo svolgimento dell'attività e deve essere iscritto nel Repertorio delle notizie Economico-Amministrative (REA) contestualmente la trasmissione della segnalazione certificata di inizio attività.
Requisiti oggettivi
I locali dove si svolge l’attività devono avere una destinazione d’uso compatibile con quella prevista dal piano urbanistico comunale.
Devono essere rispettate le norme e le prescrizioni specifiche dell’attività, per esempio quelle in materia di urbanistica, igiene pubblica, igiene edilizia, tutela ambientale, tutela della salute nei luoghi di lavoro, sicurezza alimentare, regolamenti locali di polizia urbana annonaria.
Devono essere soddisfatti i requisiti igienico-sanitari e di sicurezza previsti dal Regolamento regionale 28/11/2011, n. 6, all. 1.

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Unità Organizzativa responsabile
Argomenti:

Ultimo aggiornamento: 13/02/2024, 15:32

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Rating:

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Icona