Sito ufficiale del comune di Senago

Stai navigando in : > Home Page

Manutenzione straordinaria nelle scuole

SCUOLA ELEMENTARE "CADUTI E DISPERSI SENAGHESI"  Via Repubblica

Di seguito, alcune precisazioni del Sindaco

 

Considerato il chiacchiericcio incontrollato che rischia di procurare allarme oltre il necessario, di seguito proverò a descrivere la natura dell'intervento che si sta effettuando ed il tipo di problematiche che sussistono.


Con l'intento di proseguire gli interventi di manutenzione sugli immobili scolastici, iniziati con il rifacimento del solaio della scuola dell'infanzia di via Monza, proseguiti con il rifacimento dell'impianto di riscaldamento della stessa scuola e della vicina Media, unitamente ad altri di minore entità, abbiamo commissionato una verifica del controsoffitto per l'edificio della scuola elementare di Via Repubblica.


Questa verifica ha individuato delle criticità che suggerivano di procedere con la rimozione e la sostituzione dello stesso controsoffitto. Suggerimento che l'Amministrazione e gli Uffici hanno recepito, tant'è che il cantiere per la realizzazione dell'intervento è stato approntato ed ha iniziato ad operare secondo i piani di lavoro concordati con la ditta aggiudicataria e con la Direzione Scolastica ed il loro Responsabile della sicurezza.


Fortunatamente, gli Amministratori ed i Tecnici del Comune di Senago, che non sono sprovveduti nè pressappochisti come qualcuno vorrebbe far credere, una volta rimosso il controsoffitto dal primo lotto -che è zona di cantiere, vietata non solo allo stazionamento, ma anche al passaggio di chiunque non autorizzato- hanno pensato di verificare lo stato del solaio, sia per quanto attiene alla parte in laterizi, che per l'intonaco, affidando l'incarico ad una società di ingegneria.
Questa verifica ha certificato che non vi sono sfondellamenti del solaio, un dato positivo quindi, ma che vi sono, invece, criticità di vario grado e di varia estensione per l'intonaco. Stiamo comunque parlando sempre del primo lotto, quello, oggi, area di cantiere e l'unico nel quale ci è stato possibile effettuare, allo stato attuale, un intervento di accetamento delle condizioni. Espletata tale verifica, l'Amministrazione ha autorizzato i Tecnici a proporre, alla società aggiudicataria, una variante al progetto che ne recepisse i suggerimenti e, addirittura, andasse oltre, prevedendo, oltre al controsoffitto, la messa in sicurezza di tutto l'intonaco. Questo è quanto è stato fatto dall'Amministrazione e dall'Ufficio Tecnico, con la piena condivisione della Direzione Scolastica.


Lo scorso venerdì 24/03, alle 16:00 circa, sono stato avvisato dal Vicesindaco Maria Grazia Deponti che una squadra di Vigili del Fuoco si era presentata alla scuola elementare di Via Repubblica per verificare quanto riportato da un esposto relativamente alla sicurezza del cantiere e dell'immobile. Da lì a pochi minuti, mi sono presentato in Via Repubblica ed ho potuto parlato direttamente con il Capo Squadra dei Vigili e telefonicamente con l'Ispettore che aveva disposto l'uscita della squadra. Considerata la chiusura degli uffici comunali e l'impossibilità di poter consegnare quanto richiesto, ho preso l'impegno con l'Ispettore dei VV.FF. che il lunedì successivo gli Uffici sarebbero stati a loro disposizione per consegnare quanto richiesto.
 

Quello stesso venerdì pomeriggio, alle 17:30 circa, la ditta aggiudicataria dei lavori comunicava l'intenzione di non accettare la variante prospettata e di voler chiedere la rescissione del contratto. Questa notizia è stata ufficialmente acclarata al protocollo del Comune solo lunedì mattina successivo e, da quel momento, gli Uffici hanno proceduto ad espletare quanto necessario per dare seguito a questa comunicazione della ditta aggiudicataria.

Alla luce della risoluzione contrattuale si sta, nel contempo, procedendo ad individuare un'altra società che accetti la variante al progetto di rimozione del controsoffitto e di sistemazione degli intonaci, innanzitutto per completare i lavori nell'area di cantiere, oggi ben localizzata e sgombera di cose e persone, e quindi per proseguire con quanto necessario nelle altre aree del plesso scolastico.
 

Ora, mi si permetta una considerazione; il nostro è davvero un Paese fantastico: si sta intervenendo per sanare delle oggettive criticità che, altrimenti, non potrebbero far altro che acuirsi e che succede? Vengono presentati esposti e si alimentano voci per far montare polemiche quantomeno inopportune.


Il luogo è sicuro? Certamente, lo è al massimo delle possibilità e certamente oggi è più sicuro rispetto al periodo antecedente l'inizio lavori; non solo, la scuola è soprattutto oggetto di attenzioni tecniche addirittura maggiori di quelle ricevute in precedenza.
 

Quello che è precipuo mio dovere come Amministratore Pubblico e che al contempo rientra nell'ambito delle mie possibilità di azione è una programmazione di diversi interventi che siano rivolti al miglioramento delle condizioni degli edifici di edilizia scolastica, in analogia a quanto già fatto nel corso di tutti questi anni e che, a maggior ragione, si continua a fare mettendo in atto tutte le forze necessarie per affrontare in maniera puntuale ed efficace i momenti di criticità, in particolare quelli che riguardano la sicurezza: questo è ciò che si sta facendo, con la piena e fattiva collaborazione degli Uffici Comunali.
 

Avrei, avremmo, potuto non far effettuare alcun tipo di verifica tecnica ed arrivare tranquillamente a fine mandato, lasciando, magari, il peso della responsabilità di un mancato lavoro e, peggio ancora, di una mancata sicurezza ad altri, ed invece no; così come abbiamo sempre fatto in questi cinque anni ,continuiamo e continueremo ad assumerci tutto l'onere dell'amministrare fino all'ultimo, mettendoci sempre la nostra faccia e girando tranquillamente a testa alta, sapendo che in tutto questo tempo abbiamo sempre operato per offrire una maggiore sicurezza ai nostri concittadini, come in questo caso, con i lavori che si stanno effettuando nella scuola di via Repubblica.