Sito ufficiale del comune di Senago

Stai navigando in : > Home Page

Riutilizzo dei beni confiscati alla mafia

In Lombardia vi sono numerosissimi beni sequestrati alla mafia. Per le istituzioni è molto importante che questo patrimonio immobiliare possa essere riutilizzato dalla cittadinanza, a fini di utilità sociale: tali beni costituiscono infatti una risorsa per il territorio, un’opportunità di sviluppo e di crescita civile in grado di consolidare il rapporto di fiducia dei cittadini nelle istituzioni. La Commissione speciale Antimafia, su proposta e in collaborazione con il Comitato tecnico scientifico, organismo consultivo a supporto della Commissione stessa, ha ravvisato l’opportunità di rivolgersi alla fantasia sociale per individuare modalità di riutilizzo dei beni confiscati alle mafie originali, creative e realistiche, coerenti con le finalità sociali del presente Avviso. A tal fine, la Commissione speciale Antimafia, unitamente al Comitato,

INVITA

chiunque sia interessato, a titolo individuale (es. studenti, professionisti, volontari) o anche a titolo collettivo (es. comuni, scuole, ordini professionali ed associazioni), a presentare proposte sulle possibili modalità di riutilizzo dei beni confiscati, anche prospettando un loro diverso uso in relazione sia alla destinazione, sia alle possibili finalità no profit (ricreative,culturali,di produzione di beni e servizi, ecc.).

I beni confiscati presenti sul territorio lombardo consistono generalmente in appartamenti, villette a schiera, negozi, autorimesse, ristoranti, capannoni artigianali, depositi e botteghe artigiane. Le proposte potranno riferirsi anche ad un bene, anche non rientrante tra quelli sopra indicati, del quale eventualmente si abbia diretta conoscenza.

Le proposte dovranno essere presentate a partire dal 22 dicembre 2016 e pervenire entro e non oltre il 10 febbraio 2017, unitamente all’apposito modulo reperibile nel link sul portale istituzionale www.consiglio.regione.lombardia.it.

La proposta dovrà essere preferibilmente contenuta entro i 5.000 caratteri; ad essa potranno essere allegati anche disegni, foto o video aventi dimensione massima di 20 MB per ciascuna email. La Commissione, in collaborazione con il Comitato, individuerà le proposte ritenute più ingegnose, intuitive e realistiche, che verranno presentate, preferibilmente a cura dello stesso partecipante, in una giornata dedicata, durante la settimana della legalità prevista per il mese di marzo 2017.

Non è previsto alcun premio o compenso per le proposte presentate e non vi sarà alcuna graduatoria di merito delle stesse.

La partecipazione alla presente iniziativa comporta l’accettazione del possibile utilizzo gratuito delle proposte inviate anche a fini divulgativi, di studio o di altri usi in linea con le finalità istituzionali da parte degli organi regionali. Le proposte saranno pubblicate tempestivamente sul portale istituzionale www.consiglio.regione.lombardia.it. Non saranno presi in considerazione elaborati offensivi o irrispettosi.

Per eventuali chiarimenti rivolgersi ai seguenti indirizzi di posta elettronica: commissione.antimafia@consiglio.regione.lombardia.it comitato.legalita@consiglio.regione.lombardia.it

Leggi l'avviso  -  Modulo di adesione  -  Per saperne di più