Sito ufficiale del comune di Senago

Stai navigando in : > Home Page

Rinnovo Isee: in scadenza quello dell′anno 2016


Le attestazioni Isee scadono il prossimo 15 gennaio. Per l'anno 2017, chi vuole avvalersi dell'attestazione Isee deve richiederne una nuova a partire dal 16/01/2017

 

L’ISEE, acronimo di Indicatore di Situazione economica Equivalente, è uno strumento utile a fornire un'idea della situazione economica di un nucleo familiare in ragione dei suoi possedimenti immobiliari, mobiliari e del suo reddito. E’, in sostanza, un indicatore del benessere familiare e si calcola mettendo in relazione l'indicatore della Situazione Economica (ovvero l’ISE dato dalla somma dei redditi e dal 20% dei patrimoni mobiliari e immobiliari di tutti i componenti del nucleo familiare), con dei parametri di equivalenza ben definiti.

 

L'Isee permette di ottenere agevolazioni fiscali in vari ambiti, fra i quali:

  • Servizi socio sanitari domiciliari;

  • Servizi socio sanitari diurni, residenziali;

  • Assegno per il nucleo familiare;

  • Assegno di maternità e “Bonus bebè“;

  • Asili nido ed altri servizi educativi per l’infanzia;

  • Mense scolastiche;

  • Prestazioni del diritto allo studio universitario;

  • Agevolazioni per i servizi di pubblica utilità (luce,telefono,gas);

  • Altre prestazioni economiche assistenziali;

  • Contributi regionali dote scuola e dote sport;

  • Prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio…);

  • Agevolazioni per tasse universitarie.


A seguito dell'entrata in vigore del D.P.C.M. n. 159 del 5/12/2013, dal 1° gennaio 2015 è stata avviata una nuova disciplina dell'I.S.E.E.che stabilisce delle modalità di calcolo differenziate dell'indicatore con la conseguenza che non vi è un solo un ISEE valido per tutte le prestazioni, ma un pluralità di indicatori, calcolati in funzione della specificità delle situazioni.

Per ottenere l'attestazione I.S.E.E. è necessario presentare la D.S.U. - Dichiarazione Sostitutiva Unica - i cui modelli sono disponibili sul sito dell’INPS e per la quale è necessario disporre di alcuni dati relativi: alla giacenza media e saldo a fine anno precedente a quello di riferimento dei conti correnti intestati, al patrimonio immobiliare, oltre che naturalmente al reddito di ciascuno dei componenti prodotto nei due anni precedenti. Vanno inoltre segnalate eventuali targhe di auto e motoveicoli di cilindrata pari o superiore a 500cc, copia del contratto di locazione in caso di residenza in affitto e certificazione di disabilità se nel nucleo familiare è presente una persona disabile, nonché eventuali spese per il ricovero in strutture residenziali o assistenza personale. 

A tal fine, ci si può rivolgere

  • ad un CAF - Centro di Assistenza Fiscale
  • trasmettere autonomamente la DSU per via telematica, utilizzando i "servizi on line" di INPS


Le attestazioni ISEE sono valide dal momento della presentazione della DSU fino al 15 gennaio dell'anno successivo, ad eccezione dell'ISEE corrente, la cui durata è limitata a due mesi.


Le principali novità del nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) dall'anno 2016 sono:

  • Il modello MINI, una dichiarazione semplificata che riguarda la maggior parte delle situazioni ordinarie.
  • Una dichiarazione a moduli, specifica per una determinata prestazione o per una particolare condizione del beneficiario. In questo tipo di dichiarazione rientra, ad esempio, la richiesta di prestazioni socio-sanitarie per persone con disabilità che possono far riferimento ad un nucleo familiare ristretto. Oppure le prestazioni universitarie per studenti che non fanno parte del nucleo familiare di origine.
  • L'ISEE corrente, per chi perde il lavoro o subisce una diminuzione del reddito del 25%. È una formula particolare che consente di aggiornare il proprio ISEE in qualsiasi momento dell'anno, senza dover aspettare la presentazione della dichiarazione fiscale.
  • La semplificazione delle procedure: informazioni come il reddito complessivo o altri dati già registrati dall'INPS o dall'Agenzia delle entrate, vengono direttamente recuperate dagli archivi. Così non c'è più bisogno che se ne occupi il cittadino in sede di dichiarazione.

 

 

Per ulteriori dettagli, clicca qui